BIOGRAFIA
Foggy, al secolo Riccardo Biliotti, si avvicina al basso elettrico nell’Agosto del 1987 all’età di 16 anni e nello stesso anno inizia a studiare presso la Scuola Diapason di Siena sotto la direzione del contrabbassista-bassista Franco Caroni, fondatore dell’Associazione Siena Jazz, dove rimane per 2 anni. Inizia poi studi jazzistici sotto la direzione del clarinettista Klaus Lessmann e parallelamente studia contrabbasso presso il Conservatorio Rinaldo Franci di Siena con il Prof Andrea Granai.
Alla fine degli anni ’80 inizia a suonare in diversi gruppi tra cui Sexual Sin (Metal) Psycomotor Pluck (Garage) e The Trio (Cover ’80), dove ha l’opportunità di suonare con validi musicisti, tra cui Alberto Mattei e Luca Ravagni (Giorgio Gaber), personaggi che si riveleranno importantissimi per la sua formazione musicale.
Nell ’89 entra far parte dei Mad Mice (oggi Mantra) insieme a Jacopo Meille (Tygers of Pan Tang) Gianluca Galli e Sergio Brombin, con cui suona per diversi anni, realizzando 2 dischi e vincendo per 3 anni di seguito la classifica come miglior band italiana sulla rivista Metal Hammer, che li porterà a registrare un disco in Germania per la Inline Music.
Insieme ai Mad Mice, nel 1992 Foggy partecipa alla prima convention italiana dei Queen, tenutasi al Rolling Stone di Milano, suonando, per i migliaia del fanclub Queen Italia, sia pezzi della storica band inglese che pezzi dei Mad Mice. Nel ’94, insieme a Fabio Pianigiani (Gianna Nannini, Mario Castelnuovo) e a Lino Gerardi (Sergio Caputo) Foggy viene scelto per accompagnare il concerto di chiusura dei seminari di Andrea Braido.
Sempre nella metà degli anni ’90 partecipa a diverse trasmissioni televisive con i Mad Mice tra cui Roxy Bar e nel frattempo forma la cover band Ramdon Play insieme a Paolo Loppi e Alessandro Gerbi (C.S.I.).
Il 1997 è l’anno che segna il suo ingresso nei Diaframma, storica band fiorentina capitanata da Federico Fiumani, con la quale gira l’Italia affrontando impegnative tournèe e incidendo numerosi cd.
Ma insieme agli impegni con le varie bands, dall’inizio degli anni ’90 fino al 2007 Foggy è docente presso la scuola di musica di Siena Diapason e parallelamente ai Diaframma collabora con diversi gruppi, tra cui Syncrhonicity (Police cover band) Buoni o Cattivi (Vasco Rossi cover band) Episodio 5 (cover 60).
Tra il 2005 e il 2006 registra “ Passato e Presente” dei Diaframma con la collaborazione di Cristina Donà, Max Casacci (Subsonica) e Madasky, partecipando inoltre alla registrazione del disco solista di Paolo Loppi “Unsleepy night”. Nel 2007, dopo aver partecipato alla registrazione di “Camminando sul lato selvaggio” (vincitore del premio MEI), conclude la sua collaborazione con i Diaframma.
Dal 2007 comincia a collaborare con diversi gruppi musicali al fianco di Paolo Loppi, Filippo Zazzeri, Marco Pisaneschi, Matteo Addabbo, Edoardo Daidone, Roberto Ricci, Gianni Olivieri e Gianni Cerone. Sempre nello stesso anno entra a far parte dello staff di Turnisti.com, prestando assistenza tecnica on line per la manutenzione e la riparazione di strumenti e amplificatori.
Da gennaio 2008 diventa docente di riferimento per la zona di Siena e provincia per l’Accademia Musicale “Bass to Rock” (www.basstorock.com) e da settembre 2008 diventa docente presso la nuova scuola Rock Factory di Siena (www.rockfactory.it) e docente all’Accademia dell’Arte di Sinalunga (SI).
Il 2009 è l’anno che segna la nascita di due importanti progetti: I TRE MORI con Marco Pisaneschi e Jonatan Caradonna, piano voce e contrabbasso per musica d’autore e il nuovo trio beat dei Jaguari (www.jaguari.it), con Daniele Leonardi alla chitarra e Ghigo Ermini alla batteria, che in seguito verrà sostituito da Marco Pisaneschi.
Dopo la nascita di queste due nuove formazioni, nel 2010, oltre ad entrare a far parte del corpo docente della scuola di musica Music Tribe di Poggibonsi (Siena), Foggy incide il primo cd con i Jaguari “Back to sixsties beat”. Partecipa inoltre ai memorial di Bologna e di Firenze per il 25esimo della tournè dei Clash in Italia e insieme ai Rotoblanco, con cui incide il cd “Sono cambiati i tempi, partecipa invece al memorial di John Strummer.
Nel 2011 esce poi il secondo cd dei Jaguari, “Ribollita beat”, a cui fa seguito un’intensa stagione di live. Ha poi anche collaborazioni con il cantautore Fabrizio Venturi. All’inizio del 2012 poi è la volta del terzo cd dei Jaguari, “Rock and Roll Breakfast”, accompagnato da diverse serate live al Nothing but the blues di Londra.
Oltre al progetto con i Jaguari, Foggy partecipa alla registrazione del cd di Paolo Loppi, con cui collabora da molti anni, dando contemporaneamente inizio alla stesura del primo metodo per basso “Bass Station 1″, testo di riferimento per l’accademia Bass to Rock, edito da Carish. Continua inoltre la collaborazione con il cantautore senese Roberto Ricci, che vede Foggy impegnato con la formazione dei Robirbanti, cover band rock molto conosciuta nell’ambiente senese.
Nel 2012 Foggy entra inoltre a far parte di un’altra band senese, i “Guess who’s playing?” , ensemble che rivisita in chiave acustica brani dall’ Heavy al Pop, formata dallo staff di insegnanti della scuola Rock Factory, tra i quali Giacomo Paradiso alla chitarra, Davide Pepi alla citarra acustica e Matteo Tomei alla voce.
Dopo il successo e viste le vendite del primo metodo Bass to Rock, presentato a Grosseto presso l’accademia Rock Land nell’ottobre del 2012, evento recensito dalle più importanti riviste musicali italiane tra cui Guitar Club, che gli dedica un ampio articolo, a fine 2012 la Carish invita il trio degli autori del libro a scrivere la seconda edizione.
Foggy inizia quindi l’impegnativo lavoro della stesura dei vari pezzi, entrando contemporaneamente a far parte del corpo docenti della Rock Factory di Foiano della Chiana (AR), diretta da Paolo Loppi.
Nel 2013 esce Bass Station 2 e, parallelamente, durante il tour con I Jaguari, registra il cd live “ Peace, love and rock’n’roll”. Nel 2014 poi inizia a scrivere il nuovo metodo “Bass Station Beginner”, che esce nel Maggio, mese in cui viene presentato all’Acoustic Guitar Meeting di Sarzana. Sempre nello stesso anno, il 2 novembre partecipa al “Bass to Rock day” a Bologna, secondo raduno nazionale dei bassisti italiani, sul cui palco presenta con emozione, assieme a Lombardo e Silvestri, i 3 metodi della collana Bass Station, finalmente riuniti.

FOGGYBASS | LIUTERIA SENESE 2015 © - All right reserved